Olimpiadi del problem solving

Quest’anno scolastico, alcuni allievi delle classi 3B e 3E si sono cimentati nelle prove delle Olimpiadi di problem solving raggiungendo buoni risultati: Francesco Fabro della classe 3B ed Elia Mazzarol della classe 3E si sono qualificati per la finale nazionale individuale, e la squadra "Frutti in essiccamento", composta da Luca Busetto, Francesco Fabro, Giulia Franco e Alessia Milanese, si è qualificata per la finale a squadre. Ha partecipato alla semifinale regionale anche l'allieva Sofia Simonetti della classe 3E, riportando un buon punteggio. 

Si ringraziano, infine, Giulia Saia e Stella Stroppolo della classe 3B, per aver deciso di aiutare la squadra nella preparazione, partecipando a tutte le occasioni di studio.

Le Olimpiadi del problem solving perseguono diverse finalità, tra le quali spicca lo sviluppo e la diffusione del pensiero computazionale, una metodologia di ragionamento che rende gli studenti capaci i ragazzi e le ragazze a scomporre un problema in sottoproblemi. Inoltre, fornisce loro le competenze per organizzare, analizzare e rappresentare i dati di un problema tramite astrazioni, modelli e simulazioni, nonché per automatizzare la risoluzione dei problemi tramite il pensiero algoritmico il cui obiettivo principale è quello di individuare e descrivere strategie risolutive dei problemi.

I ragazzi e le ragazze si sono dimostrati entusiasti di partecipare a questa attività.